Con l’Otto per mille un importante contributo ai progetti di AIDOS

 

Prosegue la collaborazione  e il sostegno della Tavola Valdese alle nostre attività.  Nel corso degli anni, la Tavola Valdese ha dato un importante contributo per la realizzazione dei progetti di AIDOS  in diverse parti del mondo. Segnaliamo qui alcune delle attività e dei progetti  finanziati:

BURKINA FASO – Sensibilizzazione della popolazione del Burkina Faso sulla pedofilia attraverso la radio. 
Un progetto per informare e sensibilizzare la cittadinanza sul fenomeno sommerso della pedofilia estremamente difficile da trattare, sia che si manifesti sotto forma di sfruttamento sessuale di minori, anche per fini di lucro, sia che si compia con abusi su bambini e bambine in contesti di strada, scolastici o familiari, o con forme di coercizione nell’ambito dei matrimoni precoci.
BURKINA FASO – Promozione della salute sessuale e riproduttiva degli/lle adolescenti e dei/lle giovani nei licei e collegi della città di Ouagadougou  
Promuovere la salute sessuale e riproduttiva giovanile nella città di Ouagadougou per contribuire a combattere il fenomeno delle gravidanze precoci e non desiderate, attraverso il coinvolgimento del personale sanitario dei centri di base.
KIRTIPUR (Nepal):  allestimento di un’ Unità di terapia intensiva
Nel 2016, Tavola valdese ha dato il proprio contributo alla raccolta fondi promossa da AIDOS da destinare al Public Health Concern Trust-Nepal (phect-Nepal), cooperativa di medici e paramedici che lavora nella municipalità di Kirtipur e Katmandu, con cui AIDOS collabora da anni anche attraverso il Centro per la salute delle donne aperto nel 1999. E stato possibile allestire un’Unità di terapia intensiva presso l’ospedale di Kirtipur.
KIRTIPUR (Nepal): acquisto di un pulmino  per le attività di outreach
Il contributo della Tavola Valdese ha permesso l’acquisto di un pulmino, in dotazione al Centro per la salute delle donne di Kirtipur, per raggiungere  le donne e le ragazze delle comunità più isolate  e offrire  loro servizi e informazioni per la salute sessuale e riproduttiva.
EUROPA – Insieme per porre fine alle mutilazioni genitali femminili (MGF): piattaforma web europea sulle MGF per la formazione di professionisti 
Il progetto vuole migliorare la conoscenza del tema delle mutilazioni genitali femminili da parte di varie categorie professionali, per prevenire e affrontare questa forma di violenza contro donne e bambine, attraverso la formazione di professionisti/e in contatto con le comunità interessate dalla pratica delle MGF.
EUROPA – END FGM. Cooperazione, sinergie e dialogo tra la società civile e le istituzioni europee perché le mutilazioni genitali femminili (MGF) siano considerate e affrontate come una questione di sviluppo
Rafforzare la Rete europea ENDFGM e le capacità di advocacy /dialogo con le istituzioni europee, influenzandone le politiche su MGF; integrare attività per l’abbandono delle mutilazioni genitali femminili nei programmi di Unione Europea, organizzazioni internazionali e ONG.
BURKINA FASO: Programma integrato per la prevenzione della violenza sulle/sui minori
Prevenzione della violenza sulle/sui minori, soprattutto bambine, spesso soggette a mutilazioni genitali femminili e matrimoni precoci,  attraverso un Centro di accoglienza per minori vittime di violenza; erogazione di servizi sanitari, psicologici e legali alle vittime; formazione del personale del progetto su prevenzione e sostegno ai minori vittime o a rischio di violenza;  incontri di sensibilizzazione con la popolazione locale, le famiglie, gli educatori e le educatrici sui diritti dei minori.
BURKINA FASO – Centro per la salute delle donne e la prevenzione delle mutilazioni genitali femminili (CBF)
II contributo della Tavola Valdese  è stato destinato a coprire i costi del personale locale del Centro, quelli per il funzionamento della struttura, per l’acquisto e produzione di materiale informativo sulla salute riproduttiva delle donne e per l’organizzazione di seminari rivolti ad adolescenti, donne incinte, madri, donne anziane, vedove, donne vittime di violenza.
VENEZUELA – Centro per la salute sessuale e riproduttiva della donna
Per migliorare la salute riproduttiva di donne e adolescenti appartenenti a fasce di popolazione disagiate, il Centro offre: servizi ginecologici primari e di pianificazione familiare; cura e prevenzione del tumore al seno e all’utero; assistenza sociale, legale e psicologica, alle donne vittime di violenza; formazione e informazione agli/alle adolescenti sulla salute sessuale e riproduttiva; attività di formazione dirette a funzionari pubblici.