La stampa e la televisione italiana come affrontano le questioni di genere, come la violenza sulle donne, il femminicidio e le mutilazioni genitali femminili? La lingua italiana è sessista lo è l’uso che se ne fa? Quali gli stereotipi nei media italiani? Sono stati questi i temi principali del workshop ‘Un approccio di genere alla comunicazione’ che si è tenuto lunedì 23 settembre a Roma, dalle 10 alle 13, presso la sala stampa dell’Agenzia Dire, in collaborazione tra Aidos e DireDonne che nello stesso giorno hanno siglato un protocollo di mediapartnership.

La formazione è stata tenuta da Serena Fiorletta, antropologa culturale, docente di studi di genere e responsabile della comunicazione di Aidos; Valentina Fanelli, responsabile progetti, referente del programma ‘Building Bridges’ nato per il contrasto delle MGf in Africa e in Europa e coordinato da Silvia Mari giornalista DireDonne.