Approcci trasformativi di genere per mettere fine alle mutilazioni genitali femminili | Aidos

Approcci trasformativi di genere per mettere fine alle mutilazioni genitali femminili

Luglio – Dicembre 2022   DIRITTI UMANI / VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DOVE
Burkina Faso, Mali, Mauritania, Repubblica di Guinea, Senegal e altri paesi africani sostenuti dal Programma congiunto UNFPA-UNICEF per l’eliminazione delle mutilazioni genitali femminili. Italia, Belgio e altri paesi dell’UE.

PARTNER
Il progetto è coordinato da AIDOS e realizzato in collaborazione con GAMS Belgio.

LA SITUAZIONE
Le Mutilazioni Genitali Femminili (MGF) sono internazionalmente riconosciute come una violazione dei diritti umani, una forma di violenza di genere e una manifestazione della disuguaglianza di genere. La loro eliminazione è inclusa come obiettivo specifico all’interno dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 5 dedicato all’uguaglianza di genere. Secondo dati UNICEF, più di 200 milioni di donne e ragazze sono state sottoposte a questa pratica. Ulteriori ricerche di UNFPA mostrano che, se le tendenze attuali continuano nella direzione in cui si stanno muovendo, 68 milioni di ragazze dovranno affrontare le mutilazioni genitali femminili tra il 2015 e il 2030.

Come ogni altra forma di violenza di genere, le MGF sono strettamente legate alle relazioni di potere tra uomini e donne. Sono una manifestazione della disuguaglianza di genere e come tale devono essere affrontate. I programmi che mirano a informare e sensibilizzare le comunità sull’impatto negativo delle MGF e a eliminare la pratica a lungo termine, devono incorporare approcci trasformativi di genere per informare e sensibilizzare uomini e ragazzi,  affrontando la mascolinità tossica e le norme sociali di genere, compresi gli stereotipi di genere, favorendo al contempo l’empowerment di donne e ragazze. Tali programmi devono sfidare i ruoli e le dinamiche di potere basati sul genere e lavorare per contrastarli sia a livello istituzionale che sociale.

OBIETTIVO
L’obiettivo generale del progetto è accelerare i progressi verso l’eliminazione delle MGF migliorando le capacità di organizzazioni, attivisti e professionisti, in Africa e in Europa,  di prevenire e rispondere alla pratica e di affrontare le norme sociali discriminatorie e le norme di genere per promuovere l’uguaglianza di genere e il potere decisionale delle donne.

ATTIVITÀ PRINCIPALI

  • Moderazione delle attività all’interno della CoP sulle MGF – uno spazio di discussione per professionisti/e, ricercatori/rici, operatori/rici di ONG, ecc. in Africa e in Europa, per lo scambio di strategie e buone pratiche per porre fine alle MGF – attraverso 3 discussioni tematiche, 3 eventi online, 1 formazione online, rassegna stampa e post su blog.
  • Organizzazione di 1 workshop partecipativo in presenza con 5 organizzazioni africane sugli approcci trasformativi di genere per porre fine alle MGF.
  • Produzione di 1 video pedagogico di animazione sugli approcci trasformativi di genere per porre fine alle MGF.

COSA FA AIDOS
AIDOS è responsabile del coordinamento e della gestione del progetto; l’organizzazione della formazione e la produzione del video.

QUANDO
luglio 2022/dicembre 2022

COSTO DEL PROGETTO
167.994 dollari

CHI FINANZIA IL PROGETTO
Programma congiunto UNFPA/UNICEF sulle mutilazioni genitali femminili e Spotlight Initiative per eliminare la violenza contro donne e ragazze.

 

SCHEDA DEL PROGETTO