Irlanda e Spagna prime nel rispondere all’appello

465 milioni di dollari entro il 2011 è l’obiettivo che si pone il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) per il nuovo fondo, operativo da oggi, per ridurre la mortalità materna e migliorare la salute delle madri nei paesi in via di sviluppo. Il primo paese a rispondere positivamente alla richiesta di contributo è stata l’Irlanda, con 2 milioni di euro, seguita dalla Spagna con 6 milioni, dando così seguito all’attenzione della comunità internazionale, stimolata dalla conferenza Women Deliver, per i tassi alti di mortalità materna e perinatale nei paesi in via di sviluppo. Sono tuttora più di mezzo milione l’anno (pari a un crollo delle Torri gemelle ogni tre giorni), per il 99 per cento nel Sud del mondo, le donne che muoiono per cause legate alla gravidanza o al parto e che potrebbero essere quasi sempre prevenute. Il solo costo economico della loro perdita è stato stimato in 15 miliardi di dollari all’anno. “Investire nelle donne – ha detto la direttrice dell’UNFPA Thoraya Obaid – è essenziale per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo del Millennio”.